Comune di San Marco la Catola (Fg) - Sito Istituzionale

  • Martedi, 16 gennaio 2018

Sei in: Homepage / Notizie / Guglielmo Minervini, assessore alle infrastrutture strategiche della Regione Puglia, ha inaugurato l'eliporto di Celenza Valfortore.

Notizie

Dettaglio notizia

 

Guglielmo Minervini, assessore alle infrastrutture strategiche della Regione Puglia, ha inaugurato l'eliporto di Celenza Valfortore.

Guglielmo Minervini, assessore alle infrastrutture strategiche della Regione Puglia, ha inaugurato l'eliporto di Celenza Valfortore. Categoria: Altro
Data: 28/05/2011 ore 18:00:00

28/05/11

Celenza Valfortore (Foggia) - Minervini inaugura l’Eliporto (Puglialive)


Scolaresche, cittadini e autorità, tutti hanno partecipato con grande entusiasmo all’inaugurazione dell’eliporto di Celenza Valfortore avvenuta sabato mattina.
Alla cerimonia,  presieduta dal sindaco Francesco Santoro, hanno preso parte anche i colleghi di San Marco la Catola, Carlantino, Casalvecchio di Puglia, Motta Montecorvino e Volturino. Per la Regione Puglia erano presenti Guglielmo Minervini, assessore alle Infrastrutture Strategiche e Arcangelo Sannicandro, consigliere regionale e presidente della Commissione Bilancio. Per la Provincia era presente l’assessore al Bilancio Matteo Cannerozzi, per l’ASL di Foggia il dottor Savino Inchingolo, oltre a esponenti della diocesi, prefettura, questura e vigili del fuoco.

Parole di grande soddisfazione sono state espresse dal sindaco Francesco Santoro: “L’integrazione tra gli aeroporti pugliesi e la nuova rete degli eliporti è un esempio unico, in Italia, di sistema aereo integrato. L’elistazione di Celenza Valfortore è una struttura al servizio di un territorio caratterizzato da criticità, dinamismo e potenzialità di sviluppo. Sarà uno strumento utile ad affrontare meglio quelle criticità e a cogliere le opportunità di crescita”.
“Da oggi – ha dichiarato Guglielmo Minervini, assessore alle Infrastrutture Strategiche e alla Mobilità della Regione Puglia – i cittadini di questo territorio sono meno esposti ai rischi, grazie a un servizio di protezione civile e di pronto soccorso che l’eliporto renderà più celere. Questa struttura servirà a cogliere anche l’opportunità di valorizzare turisticamente un’area che non ha eguali per il livello di conservazione delle proprie risorse naturalistiche e ambientali”.
La nuova opera realizzata a Celenza, in località “Macchia delle Forche”,  dovrà essere un punto di riferimento al servizio della vasta area dei Monti Dauni. L’eliporto sarà utilizzato per esigenze di pronto soccorso, protezione civile e incremento trasporti a fini turistici.
La struttura fa parte della rete eliportuale pugliese, nata per coprire le aree della regione di più difficile accesso e viabilità. Le elisuperfici sono in tutto 10, di cui 7 situate in Capitanata: una a Foggia, una a San Giovanni Rotondo, Vieste e Peschici, due sulle Isole Tremiti e, infine, quella celenzana al servizio dei Monti Dauni. I costi per la realizzazione del progetto di proprietà della società “Aeroporti di Puglia” ammontano a circa 286mila euro, finanziamento stanziato dalla Regione Puglia.

La Rete eliportuale pugliese risponde alla esigenza di realizzare un sistema di punti di atterraggio per elicotteri, con operatività diurna e notturna, strategicamente distribuiti sul territorio regionale e, soprattutto, gestiti unitariamente e organicamente come avviene per il sistema aeroportuale. La gara indetta da Aeroporti di Puglia è stata vinta da Alidaunia Srl, società foggiana operante da oltre trent’anni nel settore della navigazione aerea, l’unica compagnia italiana a effettuare servizi di linea con elicotteri per trasporto passeggeri, merci e posta, da oltre 21 anni.
Alidaunia è titolare di servizi di protezione civile, elisoccorso (118) ed eliambulanza per conto di Pubbliche Amministrazioni in varie regioni d’Italia. Tutti i siti della rete eliportuale pugliese saranno controllati e gestiti in remoto da una centrale operativa H24, ubicata nella sede del Gino Lisa di Foggia, che assicurerà il monitoraggio continuo di impianti e servizi.

L’occasione è servita anche per ribadire l’importanza sanitaria del presidio, con i dati forniti dal dottor Michele Fattibene, Direttore del Dipartimento di Emergenza Urgenza dell’ASL/FG, che ha sottolineato l’esistenza, sul territorio del subappennino, di 4 postazioni di 118. Il servizio, avviato in via sperimentale a luglio 2008,  in 425 giorni ha realizzato 274 missioni su 31 comuni della Capitanata con prevalenza di quelli Garganici. Secondo il medico lucerino, “l’elisoccorso è preferibile  per la tempestività del soccorso, per l’uso di un mezzo tecnologicamente avanzato, elicottero HEMS, per l’ equipe polispecialistica, di cui si avvale,  in grado di intervenire direttamente sul luogo dell’evento (isole, mare, precipizi ecc.) e di stabilizzare il paziente. A questo si aggiunge la possibilità di effettuare trasporti secondari urgenti di pazienti critici in centri specializzati, avendo l’elicottero HEMS strumentazioni a bordo che gli conferiscono le caratteristiche di una sala di rianimazione mobile”. (Luceraweb)