Comune di San Marco la Catola (Fg) - Sito Istituzionale

  • Mercoledi, 22 novembre 2017

Sei in: Homepage / Notizie / Parco della Salute: finanziato il progetto di riqualificazione urbana.

Notizie

Dettaglio notizia

 

Parco della Salute: finanziato il progetto di riqualificazione urbana.

Parco della Salute: finanziato il progetto di riqualificazione urbana. Categoria: Altro
Data: 29/10/2010 ore 18:32:33

Giovedì 28 Ottobre 2010 08:49

Dalla Regione 2 milioni di euro per il piano intercomunale di riqualificazione

(Articolo a cura di: Daunianews, La Gazzetta del Mezzogiorno, L'Attacco)

E’ stato ammesso a finanziamento, per un ammontare complessivo di 2 milioni di euro, il progetto di riqualificazione urbana realizzato e presentato dall’aggregazione degli otto comuni del Parco della Salute (Casalnuovo Monterotaro, Casalvecchio di Puglia, Castelnuovo della Daunia, Celenza Valfortore, Motta Montecorvino, Pietramontecorvino, San Marco la Catola e Volturino).

I fondi accordati dalla Regione Puglia (asse VII del Po Fesr 2007-2013) serviranno ad attuare un piano integrato intercomunale di riqualificazione urbana dei centri storici. Il progetto è stato valutato positivamente dalla Regione Puglia nell’ambito della seconda fase della procedura negoziata. L’ente regionale ha “riconosciuto e apprezzato l’impegno profuso dai singoli comuni”, esprimendo il proprio compiacimento per “il processo avviato in questa realtà territoriale”. Nel prossimo futuro, il modello di “integrazione territoriale dei progetti presentati” e “l’aggregazione anche di tipo istituzionale che i singoli comuni stanno portando avanti da tempo” potrebbe non solo costituire un esempio per gli altri comuni pugliesi ma diventerà probabilmente un motivo per riconoscere delle premialità agli enti comunali che lavorano insieme.

L’aggregazione degli 8 comuni, rappresentata dal sindaco di Castelnuovo della Daunia Ernesto Cicchetti in qualità di presidente del “Comitato di Coordinamento intercomunale – Parco della Salute”, ha tagliato il nastro della prima tappa di un lungo percorso. Con i 2 milioni di euro assegnati, in ciascuno dei borghi facenti parte del progetto saranno realizzati lavori di riqualificazione urbana. L’obiettivo di medio e lungo termine, però, si spinge più in là e si sostanzia nella costruzione di una governance condivisa del territorio, per fare di quei comuni un unico, grande laboratorio dello sviluppo sostenibile. Il progetto “Parco della Salute” si configura quale Piano Integrato di Sviluppo Territoriale. L’ambito territoriale del “Pist Parco della Salute” mette insieme, come detto, otto comuni dei Monti Dauni per un’estensione di circa 769 chilometri quadrati e un bacino di oltre 11mila abitanti. La zona interessata si connota come “comprensorio ecologico- termale” dove sviluppare il turismo legato alla valorizzazione di luoghi, strutture, qualità ambientali e modus vivendi che favoriscono il benessere psico-fisico.

La strettissima collaborazione tra i comuni del “Parco della Salute” ha già all’attivo numerose iniziative: dal piano presentato nelle scorse settimane per la realizzazione del Territorio Socialmente Responsabile alla scommessa sul Sistema Turistico Locale dei Monti Dauni; dalla comune adesione al Patto dei Sindaci alla programmazione inerente al Sic (Sito d’Interesse Comunitario) di Monte Sambuco. L’Europa premia i progetti che aggregano territori, competenze e risorse sotto il cappello di una visione strategica condivisa. Per i Monti Dauni, quella ‘visione’ è rappresentata dall’uscita dalla marginalizzazione attraverso un processo di crescita integrata che punta tutto sulle vocazioni autentiche del territorio: agroalimentare di qualità, turismo verde, ricerca ambientale, utilizzo concertato e non invasivo delle energie rinnovabili, mobilità sostenibile, sviluppo urbano che riqualifica e crea nuove funzioni, internazionalizzazione delle piccole imprese e formazione di nuove professionalità che possano lavorare sul territorio.