Comune di San Marco la Catola (Fg) - Sito Istituzionale

  • Venerdi, 24 novembre 2017

Sei in: Homepage / Storia, Cultura, Curiosità, Turismo, Info città / Cosa visitare / Santuario Madonna di Giosafat e Convento dei Frati Minori Cappuccini

Santuario Madonna di Giosafat e Convento dei Frati Minori Cappuccini

 Foto Convento

La chiesa di Santa Maria di Giosafat risale al XIV secolo. I frati arrivarono a San Marco nel 1585, chiamati dal marchese Giovanni Battista Gaetano Pignatelli il quale volle fortemente che la chiesa dedicata a Santa Maria di Giosafat fosse "officiata e mantenuta con decoro". I Frati MInori Cappuccini costruirono il convento che col tempo ha "assorbito" la preesistente chiesa della Madonna di Giosafat, della quale si conserva la scultura in legno che la tradizione vuole essere stata portata a San Marco dai cristiani liberati da Federico II di Svevia a Gerusalemme. Nell'ipogeo della chiesa è sepolto Padre Giovanni da San Severo morto il 5 aprile del 1631 in concetto di santità. La Chiesa fu consacrata alla Beata Vergine Maria il 12 luglio 1713 dal Cardinale Vincenzo Maria Orsini (nato Pietro Francesco, Gravina di Puglia, 2 febbraio 1649 - Roma, 21 febbraio 1730), papa nel 1724 con il nome di Benedetto XIII. Una lapide ne ricorda l'evento. Il Convento ha ospitato anche un giovanissimo Padre Pio, a quei tempi ancora studente di Teologia, dal 1905 al 1906 e nel periodo aprile-maggio1918. Nel 1893 la Madonna di Giosafat sarebbe apparsa, non qui ma addirittura negli Stati Uniti, ad alcuni minatori emigrati dalla vicina cittadina di Celenza Valfortore intenti a lavorare nelle viscere della terra. La Madonna, apparendo loro, li avrebbe avvertiti dell’imminente crollo e quando l'ultimo minatore si mise in salvo, raggiungendo la superficie,la galleria disastrosamente crollò. Il Convento dei Cappucini, risalente al 1585, conserva la cappella dedicata al culto della Madonna di Giosafat.