Comune di San Marco la Catola (Fg) - Sito Istituzionale

  • Martedi, 21 novembre 2017

Sei in: Homepage / Amministrazione Trasparente / Altri Contenuti - Corruzione / Titolare Potere Sostitutivo

Titolare Potere Sostitutivo

CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO: SOGGETTO A CUI SONO ATTRIBUITI IL POTERE SOSTITUTIVO IN CASO DI INERZIA E DI RITARDO NEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI.Il decreto legge 9 febbraio 2012 n. 5, convertito nella legge n. 35/2012, all'art. 1  modifica l'art. 2 della legge 7 Agosto 1990 n. 241,  introduce una nuova disciplina in materia di procedimenti amministrativi e individua i poteri sostitutivi in caso di inerzia dell'amministrazione.
Il legislatore, infatti, con l'intento di tutelare il cittadino dall'inerzia e dai ritardi della amministrazione pubblica, ha previsto ulteriori obblighi in capo all'amministrazione, disponendo in particolare:
- con il comma 9 bis dell'art. 2 della legge 241/90 la nomina, da parte dell'organo di governo dell'amministrazione, di un soggetto al quale attribuire il potere di sostituirsi al dirigente o al funzionario inadempiente;- con il comma 9 ter dell'art. 2 della medesima legge, la possibilità per il privato di rivolgersi al funzionario con poteri sostitutivi, il quale, nella metà del termine originariamente previsto, adotta il provvedimento servendosi delle strutture competenti o nominando un commissario;- con il comma 9 quater che entro il 30 gennaio di ogni anno, il responsabile individuato comunichi all'organo di governo i procedimenti suddivisi per tipologia e strutture amministrative competenti, nei quali non è stato rispettato il termine previsto dalla legge o dai regolamenti di conclusione degli stessi;- con il comma 9 quinquies che, nei provvedimenti rilasciati in ritardo, su istanza di parte è espressamente indicato il termine previsto dalla legge o dai regolamenti di cui all'art. 2 e quelli effettivamente impiegati.

Richiesta 

Richiesta